USD
41.42 UAH ▲1.3%
EUR
45.26 UAH ▲1.94%
GBP
53.77 UAH ▲2.09%
PLN
10.55 UAH ▲1.1%
CZK
1.79 UAH ▲2.31%
I russi Storm Bakhmut su diverse parti e subiscono forti perdite e le forze arma...

"Probabilità del pieno ambiente": Eccosider di Azova ha raccontato delle forze armate di Bakhmut

I russi Storm Bakhmut su diverse parti e subiscono forti perdite e le forze armate cercano di migliorare la situazione tattica. Il comando russo va a enormi vittime per portare la città di Bakhmut nella regione di Donetsk. Il 4 marzo, Maxim Zhorin, l'Azov Regiment "Azov, ha riferito su Telegram, ha riferito della situazione nella direzione del bakhmut.

Secondo lui, i russi cercano di attaccare contemporaneamente da diverse direzioni e ad tempi di "Salt" - unità miste dai combattenti di PEC "Wagner", parti regolari delle forze armate della Federazione Russa e di altre forze. Ciò indica che gli occupanti perdono molto potere vivente nelle battaglie. "Sono molto costosi per questo compito, la perdita è semplicemente pazza", ha detto Maxim Zhorin. -"Ma, dato tutto, sono pronti per avere un numero qualsiasi delle loro commedie.

" L'Extender ha aggiunto che la posizione delle forze armate in Bakhmut è complicata da ogni giorno, la direzione più difficile rimane severa. Ma l'esercito ucraino continua a difendere la città e ora adottano alcune misure per migliorare la situazione tattica e "ridurre la probabilità di un ambiente completo". Nel rapporto del 3 marzo, gli analisti dell'American Institute for the Study of War hanno suggerito che le forze armate stanno creando le condizioni per il ritiro in Bakhmut.

Ci sono informazioni che gli ucraini hanno distrutto i ponti attraverso il fiume Bakhmutivka e sull'autostrada Chrome-Bakhmut, secondo gli analisti, potrebbero farlo per limitare gli occupanti nella parte orientale della città. Il 2 marzo, divenne noto che il gruppo di intelligenza aria tattica delle forze armate "uccelli del Magyara" fu rimosso da Bakhmut. Secondo il comandante Robert Brody, ai soldati nel cuore della notte fu ordinato di trasferirsi in un nuovo luogo di combattimento.