USD
40.69 UAH ▲1.32%
EUR
43.89 UAH ▲0.59%
GBP
51.95 UAH ▲1.29%
PLN
10.09 UAH ▼0.55%
CZK
1.78 UAH ▲0.22%
Cara assemblaggi della signora Head! Caro presente! Signore e signori deputati! ...

Questo regime russo non riconosce i limiti, non è nemmeno abbastanza per l'Europa - il discorso presidenziale davanti all'Assemblea nazionale di Francia

Cara assemblaggi della signora Head! Caro presente! Signore e signori deputati! Sono grato per l'invito all'Assemblea nazionale francese e per l'opportunità di passare dal nostro paese oggi.  Apprezzo molto il rispetto per l'Ucraina e gli ucraini con cui ci incontri.  Grazie per questo. Road France! In questi giorni, onoriamo il coraggio delle persone e il sostegno reciproco dei popoli che hanno vinto la battaglia in Normandia che ha vinto.

 E la vittoria è ancora sentita sulla costa di Omaha Beach, dove eravamo con il presidente, Emmanuel e altri leader ieri.  È la vittoria della battaglia che è menzionata lì e orgogliosa di poter imitare i suoi partecipanti. Guerrieri che erano molto diversi dai diversi paesi, ma hanno anche cercato la libertà di vincere.

 Queste sono le battaglie vinte qui, in Normandia, e noi, nell'est dell'Europa, nei mari settentrionali del nostro continente e nel cielo della Gran Bretagna, nell'Europa meridionale e sottoterra - nel movimento della resistenza nei paesi occupati dai nazisti - Le battaglie più vinte hanno restituito l'Europa all'umanità.  Non ci sarebbe nulla senza quelle battaglie vinte, non ci sarebbe nessuno, non ci sarebbe noi con te: Ucraina, Francia, tutte le nazioni libere.

 Non ci sarebbe personalità libera in Europa come continente, né come concetto, né come opportunità di vera libertà. Ricordiamo tutti cosa significhi il nazismo. Se non fosse per la vittoria sul nazismo, tutto il nostro continente rimarrebbe un punto davvero oscuro nella storia. La fonte della morte per gli altri nel mondo.  È da quelle vittorie che sono nate le vittorie dei popoli liberi - la nostra Europa, un continente che è in grado di essere fonte di speranza, è nato.

La nostra Europa è il risultato del coraggio di uomini e donne, quindi, tutti coloro che, nonostante la paura, non hanno conquistato il male, hanno resistito e combattuto. La nostra Europa è un'unità che ha funzionato e funziona sempre, aggiunge sempre forza. La nostra Europa è la scelta delle persone al momento di combattere il modo in cui devi vincere, per non lasciare che il male prenda il controllo della tua casa.

A quel tempo, non c'era altra motivazione per gli alleati, tranne la protezione della loro casa e il diritto delle persone di essere persone. Le persone nel pieno senso della parola - dotate di libertà, dignità e diritti dalla nascita allo stesso modo, in modo che nessuno si definisca un maestro rispetto agli altri e che tutti possano scegliere il proprio percorso nella vita.  Questa è la nostra Europa. Questo è ciò che è stato fornito con le vittorie 80 anni fa. Grazie per questo.

 E questo è qualcosa che non sarà eterno solo da solo. Cari europei! Alla vigilia della costa della Normandia, dove tutti abbiamo menzionato la seconda guerra mondiale e abbiamo ringraziato i vincitori in essa, allo stesso tempo c'erano due sentimenti: un senso di gioia che la vittoria è stata vinta e un senso di obbligo di vincere. Viviamo in un momento in cui l'Europa ha smesso di essere di nuovo un continente di pace. Purtroppo.  E in un momento in cui il nazismo torna di nuovo. Purtroppo.

 Quando la città viene nuovamente distrutta in Europa e i villaggi vengono bruciati. Quando di nuovo in Europa - campi di filtrazione, deportazioni e odio che sono diventati un nuovo culto russo. Quando l'Europa sta cercando di scavalcare di nuovo e dire che alcuni popoli non meritano un'esistenza indipendente.  Tutto questo è diretto oggi contro l'Ucraina.  Ma per questo e così domani essere diretto contro gli altri.

Anche l'ordine è visibile come può andare l'aggressività: Baltia, Polonia, Balcani e oltre. Questo regime russo non riconosce i limiti. Non è nemmeno abbastanza per l'Europa.  Ha già distrutto la Siria ed è una Sachele caotica. Investe nel terrore e nella vita supersato dove può raggiungere, dove non incontra la resistenza.  Usa tutto per far indebolire i paesi: dall'energia al cibo.

Nel 21 ° secolo, restituì l'intero arsenale di secoli del passato - dal blocco del mare al rapimento di massa dei bambini del nostro popolo dal territorio occupato dell'Ucraina per "ri -educare" completamente diversi - nell'odio per casa. E il mondo intero sta ricattando in modo che il mondo possa aver paura di contrastarlo.  Troverà un modo per destabilizzare tutti, destabilizzare l'Europa, destabilizzarti. Questo può essere domani. Domani - se l'Ucraina non vince.

 Questa battaglia, che ora è in corso contro gli invasori russi, continua sulla terra della nostra regione di Kharkiv e Donetsk, di confine con la Russia e agli approcci a Kherson, Underground a Berdyansk, Melitopol e Crimea, nel cielo dell'Ucraina, nel nostro Mar Nero. Questa battaglia per l'Ucraina è ora esistenziale per l'Europa come le battaglie vinte dalle precedenti generazioni di europei. Questa battaglia è un crocevia.

Con un momento, quando ora possiamo scrivere una storia, di cui abbiamo bisogno, o possiamo essere vittime della storia - come ha bisogno, il nostro nemico. Sottolineerò: un nemico comune. Dobbiamo ricordare che dall'esterno c'è un nemico che non lascia né nazioni né letteralmente persone dove viene. Non lascia né il diritto di parlare o scegliere come vivere per le persone. Non lascia la vita.  Guarda quale sia il controllo russo.

Queste sono rovine bruciate e deserte delle nostre città e villaggi. Questo è un fatto. Dai un'occhiata a ciò che Putin trasforma il suo paese e il suo popolo. È il territorio della vita svalutata. Letteralmente il rovescio della medaglia di tutto ciò che è prezioso per noi è per noi. L'opposto della libertà. L'opposto dell'uguaglianza. Il contrario della fratellanza. Pertanto, l'opposto dell'Europa. Questo è un anti-Europe. Ecco cosa è Putin.

Road France! Putin può vincere questa battaglia? No, perché non abbiamo il diritto di perdere. Questa guerra può uscire sulle linee che sono adesso? No, perché non ci sono linee per il male, ovvero 80 anni fa. E se qualcuno cerca di tracciare linee temporanee, si fermerà solo prima di una nuova guerra. Ora è proprio come quando il male ha lanciato la sua aggressività contro i vicini negli anni '30. Hitler ha superato la riga per riga. Anche Putin.

E quando ieri sono state ascoltate minacce dirette della Francia, è diventata solo un'altra discussione a favore del nostro coraggio con te - a favore di nessun male nel mondo aveva l'arroganza per contrastare la Francia e proclamare i francesi con scopi militari. Possiamo vincere questa battaglia? Indubbiamente, sì. Noi possiamo! Ucraina e quindi, Europa. Europa, e quindi in Francia.  Sono sicuro che la Francia ha creduto nella libertà anche quando il D-Day non è avvenuto.

 Ma quel giorno di sbarco, come il Giorno della vittoria europeo, era inevitabile. Per la prima volta, sono stato onorato di rivolgermi a te in un momento molto difficile, mortale per noi. È vero. Fu il primo mese dopo l'invasione russa.  A quel tempo, gli invasori non furono espulsi dalla nostra capitale, Kiev, e le battaglie furono ostacolate vicino a Kiev.

 A quel tempo, le prime operazioni che iniziarono a restituire la terra occupata dalla Russia, restituiscono le nostre case, restituivano il nostro popolo, i nostri figli - quindi non avevano intenzione di liberare l'isola di serpente nel Mar Nero e vincere la battaglia del mare, La liberazione della regione di Kharkiv e Kherson. In quel momento, il mondo non ha ancora visto Bucha e non sapeva esattamente cosa fosse l'occupazione russa.

E nessuno credeva a quanto potessero diventare efficaci ucraini. Ma anche allora, sapevamo e sapevamo esattamente: avremmo superato qualsiasi difficoltà di guerra, e l'unica cosa di cui abbiamo bisogno è che gli ucraini non rimangano soli. Affinché noi abbia un supporto efficace - supporto per la leadership continua, tempestiva, lunga, e quindi saremo garantiti per fare il nostro lavoro.

E sarà la prova: la prova che l'Europa non si recherà in un momento in cui, senza piantare alleati nel continente e attirare quasi tutto il mondo, era impossibile completare la guerra in Europa in modo che sia in linea con gli interessi dell'Europa e il mondo, e quindi ogni persona sulla terra. Je vus remercie d'e ê être à no côtés pour défendre la vie. Merci voglio ringraziare tutti voi per non esitazione e ho scelto il lato dell'umanità in questa guerra. Lato della cultura.

Partito del diritto internazionale.  Sin dai primi giorni nemmeno, ma le ore di questo attacco, che la Russia ha cercato di attraversare gli 80 anni d'Europa, so che posso fare affidamento su di te, fare affidamento sulla Francia - sui tuoi cuori e sul tuo principio. Ti ringraziamo. La sensazione che l'Ucraina sia contraria al male ha unito molte persone, molte persone della Francia. Le famiglie francesi hanno aiutato le famiglie ucraine che sono fuggite dalla guerra.

I cuori della Francia ci hanno augurato forza. Ringrazio per questo. Grazie alla tua gente, alle tue famiglie. Possiamo fare affidamento sul tuo supporto. Per le tue armi, la formazione e la diplomazia, sul potere politico ed economico della Francia. Sistemi di difesa aerea francese e veicoli corazzati, razzi e artiglieria, esperienza e consigli ci aiutano a salvare la vita delle persone e trattenere la Russia grazie a te.

  Sono sicuro che arriverà il giorno in cui l'Ucraina sarà in grado di vedere nel suo cielo gli stessi aerei che abbiamo visto ieri nella Normandia del cielo. Aereo da combattimento francese - Brillanti combattenti che dimostreranno che l'Europa è più forte sotto il controllo dei piloti ucraini. Più forte del male che ha osato l'Europa. Ora, come 80 anni fa, possiamo dimostrarlo: il potere della nostra unità, il potere dell'Unione, il potere dei nostri ideali comuni.

Emmanuel, signor Presidente, ti ringrazio per non aver lasciato l'Europa senza leadership e Ucraina - senza Francia a volte in cui era decisivo. Facciamo del nostro meglio per menzionare la nostra cooperazione in 80 anni come battaglia. È così importante. Grazie, Emmanuel! Vorrei sottolineare soprattutto a ciascuno di voi, cari deputati dell'Assemblea nazionale.  Di recente hai sostenuto il nostro accordo di sicurezza: Ucraina e Francia.

Seguendoti, il Senato di Francia è stato sostenuto dall'accordo.  Questo è un documento speciale: le radici dell'Unione tra i nostri stati.  Grazie per questo, per il supporto storico, grazie per la tua visione! Grazie per il sostegno del nostro movimento per l'adesione all'Unione Europea e per la comprensione che il confine NATO orientale non può essere interrotto dalla "zona grigia" lasciata al di fuori dell'alleanza dell'Ucraina.

  È in Ucraina che la chiave per la sicurezza di tutta l'Europa. Perché senza controllare l'Ucraina, la Russia dovrà diventare una normale nazione, non un impero coloniale che è costantemente alla ricerca di chi nascondere, sia in Europa, Asia che in Africa. Cari amici! In effetti, il nostro nuovo D-Day si svolgerà in una giornata di diplomazia, il giorno della diplomazia. La pace inaugurale della pace, che può diventare un formato che porterà la bella fine di questa guerra.

 Non abbiamo mai scommesso solo sulle armi. Ci siamo sempre presi cura della diplomazia.  Putin ha respinto la decisione diplomatica, avviando una guerra su scala completa e scegliendo un tentativo di genocidio ucraini invece di dialogare con l'Ucraina.  Questa è la sua scelta. E l'unità del mondo è necessaria per stringerla.  Questo è un ottimo lavoro, reale: il grande sforzo necessario dai paesi di tutti i continenti. Non solo dall'Europa. E così ci uniamo.

Più di cento stati e organizzazioni internazionali hanno sostenuto il vertice della pace. Sfortunatamente, non tutti da chi dipende dal mondo. Ma la Francia è con noi e ne sono grato. Sono grato per quello che stai facendo molto. Ma per la pace - solo la pace - hai ancora bisogno di più. E questo non è un rimprovero. Ecco come supera il male. Oggi fare più di ieri a domani per essere più vicino alla pace che mai. Lo facciamo con te.