USD
39.6 UAH ▲1.1%
EUR
42.28 UAH ▲0.61%
GBP
49.39 UAH ▲0.55%
PLN
9.77 UAH ▼1.01%
CZK
1.67 UAH ▲1.1%
Il checkpoint di Narva-Ivanhorod non perde più gli estoni o i russi. Ciò è assoc...

L'Estonia ha chiuso il confine con la Russia - i media

Il checkpoint di Narva-Ivanhorod non perde più gli estoni o i russi. Ciò è associato sia allo smantellamento del monumento sovietico che alle sanzioni anti -russe. Martedì 16 agosto, Estonia ha chiuso il confine con la Russia al checkpoint "Narva-Ivanhorod". Un certo numero di media russi, in particolare - e "Ria Novosti", ne hanno già scritto. È ora noto che le guardie di frontiera non mancano né cittadini russi né donne con passaporti estoni.

Informazioni ufficiali sul perché il checkpoint non funziona fino a quando non è apparso. I media hanno nominato che ciò è dovuto al fatto che il Narva ora sta smantellando il monumento T-34 e altri memoriali sovietici. Va notato che il monumento fu veramente rimosso dal piedistallo per trasferirsi al museo militare estone in guerra e per i trasporti sicuri limitarono il movimento di Narva-Narva-Jesuu.

Alcuni giorni fa, oltre 700 auto sono state allineate vicino al checkpoint il 12 agosto a Narva (Federazione Russa). Erano disposti ad attraversare il confine con Estonia e lasciare la Russia. Secondo i testimoni oculari, 753 veicoli sono stati calcolati nella coda. Di questi, 297 sono auto. Quei conducenti che sono riusciti a prenotare in anticipo stanno aspettando dieci ore nell'area aperta in tutte le condizioni meteorologiche. Di nuovo arrivato nelle loro auto dovrà aspettare un giorno.

Il "ingorgo" al confine tra Russia e Estonia può essere indirettamente dovuto al fatto che i parlamentari di quest'ultimo hanno approvato il divieto di ingresso per i russi con visti estoni. Ha effetto dal 18 agosto 2022. L'eccezione è stata fatta per: Focus precedente ha scritto che l'Estonia avrebbe chiuso l'ingresso per i russi con i visti Schengen dal 18 agosto. La decisione non influenzerà i diplomatici russi e le loro famiglie, nonché i lavoratori del commercio internazionale.