USD
38.16 UAH ▼0.51%
EUR
41.26 UAH ▼0.73%
GBP
48.19 UAH ▼1.07%
PLN
9.56 UAH ▼0.87%
CZK
1.63 UAH ▼0.69%
Secondo i dati ufficiali, 2022, dopo la rimozione di Covid, 58 mila cittadini de...

Migliaia di russi sono fuggiti a Bali durante la guerra: l'Indonesia introduce nuove restrizioni

Secondo i dati ufficiali, 2022, dopo la rimozione di Covid, 58 mila cittadini della Federazione Russa andarono a Bali. Gli ucraini che si trovano qui si lamentano del fatto che il nuovo divieto di visto all'arrivo li colpisce anche. Dall'inizio di una grande invasione russa dell'Ucraina, decine di migliaia di russi andarono a Bali.

Ora le autorità dell'isola indonesiana stanno cercando di limitare l'emissione di visti per i cittadini della Federazione Russa, un tale evento si estende anche agli ucraini. Su di esso riferisce la CNN. Secondo il governo dell'Indonesia, circa 58 mila cittadini della Federazione Russa hanno visitato l'isola di Bali nel 2022 dopo la rimozione delle restrizioni Covidid e solo nel gennaio 2023 sono arrivati ​​22. 500 russi.

L'anno scorso, Bali ha anche visitato 7000 ucraini e circa 2,5 mila a gennaio. Tuttavia, la scorsa settimana, il governo locale ha chiesto la regola di cancellazione dopo essere arrivati ​​ai cittadini della Federazione Russa e dell'Ucraina. Le autorità locali parlano di numerosi incidenti relativi al comportamento improprio.

È stato riferito che i russi, così come gli ucraini, sono sull'isola più a lungo e in questo momento lavorano illegalmente parrucchieri, guide non ufficiali e tassisti. "Ogni volta che riceviamo un messaggio sul comportamento improprio di uno straniero, è quasi sempre i russi", ha detto un ufficiale di polizia locale della città di Corner in un'intervista. Secondo lui, molti stranieri si comportano come se fossero sopra la legge, e questo dovrebbe essere fermato.

I turisti spesso arrivano ai titoli di notizie locali per la mancanza di rispetto per i santuari, la presenza di ubriachi e spogliati in pubblico. Allo stesso tempo, tali misure di divieto toccano anche molti ucraini sull'isola. Secondo loro, la maggior parte delle violazioni degli ordini pubblici si verificano attraverso i russi. "Perché sono questi due paesi? Perché stanno combattendo e fuggendo qui", ha detto il governatore Bali Viang Koster.

Su richiesta dei giornalisti presso l'Ambasciata dell'Ucraina in Indonesia, i cambiamenti nelle regole del visto sono stati commentati sulle parole che a Bali erano per lo più ucraini e non per scopi turistici, ma per la ricongiungimento delle famiglie. Non ci sono stati commenti dall'ambasciata russa. Anche i russi vanno in Thailandia.

Il dipendente di esportazione di una banca di investimento a San Pietroburgo, che ha acquistato un appartamento sull'isola di Phuket, ha affermato che la vita in Russia è ora "molto difficile". "Nessuno vuole restare e vivere durante la guerra. I pensieri sul ritorno in Russia, dove possono aspettare la punizione, sono anche ansiosi. Vale la pena investire nel settore immobiliare qui, è più economico che a Mosca", ha spiegato.

Secondo le autorità indonesiane, alcuni russi sono stati arrestati e deportati. Tra questi, il 28enne Moskvich, che è stato detenuto quando si è scoperto che ha lavorato come fotografo. Un nativo dell'Ucraina di nome Dmitry ha affermato che Bali è un buon posto in cui vivere, perché è buono, un buon clima e sicuro. "Sì, ci sono gruppi di turisti della Federazione Russa, ma non ci sono soldati russi. Gli ucraini rispettano le leggi e la cultura locali.

Fanno molto alla comunità locale e non rappresentano un rischio per le persone a Bali. È un peccato che gli ucraini sono attribuiti alla stessa categoria dei russi ", ha detto il cittadino ucraino. Ha anche aggiunto che i russi sono il secondo più grande gruppo turistico di Bali. Secondo lui, se leggi le notizie locali, puoi scoprire che spesso violano la legislazione e non onorano la cultura. "Perché gli ucraini dovrebbero soffrire quando non stiamo creando problemi?" Lui chiede.