USD
40.69 UAH ▲1.32%
EUR
43.89 UAH ▲0.59%
GBP
51.95 UAH ▲1.29%
PLN
10.09 UAH ▼0.55%
CZK
1.78 UAH ▲0.22%
Per più di un mese la guerra in Medio Oriente è andata avanti. Tempo per conclus...

Guerra israeliana e Hamas: quello che sarà il prossimo

Per più di un mese la guerra in Medio Oriente è andata avanti. Tempo per conclusioni intermedie 1. Israele è andato ancora alla chirurgia terrestre. I suoi obiettivi sono ancora completamente sconosciuti. Almeno Israele elimina l'infrastruttura di base di Hamas a Gaza e Northern Enclave. Per un massimo, occupa l'intero settore di Gaza, comprese le aree meridionali. A questo punto, le battaglie erano limitate.

Ora inizierà la fase più difficile: l'evento delle truppe israeliane allo sviluppo urbano. 2. Gli sforzi titanici statunitensi sulla pressione di Israele sono stati parziali. Israele ha accettato di espandere l'importazione di enclave umanitarie e pause umanitarie alle 4 ogni giorno. Come funzionano, tutti impareranno nella pratica, ma sono già alcune persone che sono interessate, la cosa principale che è stata compromessa.

Israele è istituito per eliminare Hamas, anche ad alto prezzo militare e politico. Gli Stati Uniti non sono sintonizzati, ma sono sul tratto tra la necessità di mantenere l'alleato e il desiderio di mantenere una normale relazione con il Sud globale. 3. Assolutamente tutti a rotolare su Hamas, il che all'inizio era chiaro. I paesi della regione espiranno con sollievo se Hamas è liquidato/indebolito.

Allo stesso tempo, usano con calma questa guerra per capitalizzare le critiche di Occidente e Israele, guadagnando così punti su "Arab Street" e chiedendo diverse concessioni dall'evento per mantenere le relazioni con Israele e trattenere i loro radicali a casa. Anche l'Iran usa Hamas come un RAM per indebolire Israele e aumentare la pressione verso ovest per inchinarsi ai negoziati. 4.

La Cina e la Russia hanno assunto una posizione che ti consente di distribuire una potente campagna mediatica contro l'Occidente, di solidarrsi con la posizione del Sud globale e di consolidarli sulla loro piattaforma morale e ideologica rispetto agli Stati Uniti.

Questo non viene automaticamente convertito in alcune cose pratiche o sul terreno, ma aiuta a ottenere un vantaggio tattico negli Stati Uniti nella lotta per la "strada" del Sud globale, minando gli sforzi degli Stati Uniti e dell'Europa per stabilire con queste regioni di dialogo. 5. L'Europa sembra confusa sullo sfondo di ciò che sta accadendo in gas. In primo luogo, molti paesi e molte opinioni e posizioni diverse che sono difficili da essere d'accordo.

In secondo luogo, l'UE non ha mai avuto una chiara strategia nella direzione palestinese israeliana, e ora si riflette in loro negativamente. In terzo luogo, come negli Stati Uniti, il sostegno inequivocabile e incondizionato di Israele non è più così sacro come lo era in Occidente e non causa inadempienza automatica nelle persone. In quarto luogo, le grandi diaspore musulmane dovrebbero essere prese in considerazione perché le loro voci sono importanti per i politici europei.

In molti paesi, i musulmani hanno vissuto in diverse generazioni e hanno persino preso i circoli politici. 6. Negli Stati Uniti, la situazione in Israele ha creato opportunità e rischi. Da un lato, Washington ha avuto la possibilità di imporre Israele, Taiwan e Ucraina in un unico pacchetto, aumentando così l'argomentazione di una narrazione chiave che promuove Biden: una coalizione di democrazie combatte contro l'asse autocratico del male in Iran, la Federazione russa Cina.

D'altra parte, è visibile un grave divario nelle opinioni sulla questione palestinese. Inoltre, la lotta per la priorità dell'assistenza tra i sostenitori di Israele, Ucraina, Taiwan e coloro che generalmente credono che le risorse dovrebbero essere dirette agli affari interni, come il rafforzamento del confine con il Messico. 7. La sconfitta/indebolimento di Hamas è associata all'obbligo di Israele di ripristinare i negoziati di pace con i palestinesi.

Ciò crea le condizioni preliminari per la ridistribuzione dell'influenza su questa traccia tra i paesi regionali. Tutti vorranno partecipare a questo processo e controllarlo per ottenere una posizione dominante nel nuovo stato della Palestina, se si tratta della sua creazione. Tutti capiscono che ciò dà il punto di ingresso a questa sottoregione e l'impatto sulla convocazione israeliana.

Pertanto, ci sarà una lotta per lo status di garanzie/intermediari del processo di pace israelo-palestinese tra i giocatori tradizionali di Giordania/Egitto e Turchia, Arabia Saudita, Emirati Arabi Uniti, Cata. A livello globale, la Cina cercherà di spremere gli Stati Uniti nello status di un mediatore, posizionando Washington come un chiaro alleato di Israele.

L'Iran cercherà di essere coinvolto nel processo in un formato particolare per partecipare alla regolamentazione della domanda palestinese come giocatore, che a sua volta sarà un passo importante nel più ampio processo di formazione di uno status quo post-americano in Medio Oriente . 8. In questa situazione, l'Ucraina è ancora sospesa. Un tentativo di associarci al pacchetto israeliano negli Stati Uniti non è ancora riuscito.

Penso che il pacchetto di assistenza alla fine sarà adottato dal Congresso, ma l'attuale offerta per questo dimostra che la situazione a Washington diventa imprevedibile e polarizzata, legandoci a vari argomenti che spesso non abbiamo alcuna influenza. Inoltre, ciò che sta accadendo in Israele, mi sembra, crea potenziali problemi nel dialogo con il Sud globale. È improbabile che il dialogo sia coperto da solo.