USD
41.42 UAH ▲1.3%
EUR
45.26 UAH ▲1.94%
GBP
53.77 UAH ▲2.09%
PLN
10.55 UAH ▲1.1%
CZK
1.79 UAH ▲2.31%
Sotto il copresidente del capo dell'ufficio presidenziale dell'Ucraina Andriy Ye...

Il primo incontro del gruppo di lavoro internazionale sulle conseguenze ambientali della guerra ebbe luogo a Kiev

Sotto il copresidente del capo dell'ufficio presidenziale dell'Ucraina Andriy Yermak e dell'ex primo ministro, ex ministro degli Esteri svedese Margot Walstrom, il primo incontro del gruppo di lavoro internazionale sulle conseguenze ambientali della guerra.

All'incontro hanno partecipato anche: Vice Presidente del Parlamento europeo Gaidi Hautala, presidente dell'Irlanda nel 1990-1997 Mary Robinson, eco-attivista Greta Tunberg, consigliere senior dell'Istituto europeo di pace (European Institute of Peace), leader In Eurasia, Roksan Kristesska.

Il commissario per l'UE per l'ambiente, gli oceani e la pesca Virginio Sinkevichus, professore, CEO del Fondo per il clima europeo ride Tubian e membro del Parlamento delle Isole Alder, un membro dell'Alleanza Ecocida, Simon Holmstrom, ha parlato nel formato online.

Dalla parte ucraina, il ministro della protezione ambientale e delle risorse naturali Ruslan Strelets, il procuratore generale Andriy Kostin, capo della proprietà statale di proprietà di Rustem Umerov, consiglieri dell'ufficio presidenziale Dariy Zarivna e Alexander Bevz si sono uniti al lavoro del gruppo.

Aprendo il primo incontro del gruppo di lavoro internazionale, Andriy Yermak ha ringraziato i suoi partecipanti per il sostegno dell'Ucraina nella ricerca della giustizia e per la volontà di lavorare insieme per portare la Russia alla giustizia per i crimini ambientali. “Oggi stiamo lanciando un progetto molto importante. La Federazione Russa contro l'Ucraina non è un conflitto locale.

Questa aggressività crea numerose sfide per tutta l'umanità - dalla minaccia della catastrofe nucleare e dall'esplosione della sicurezza alimentare all'aumento dei fattori antropogenici dei cambiamenti climatici. Non sto parlando dei probabili rischi: è già diventato realtà.

Le conseguenze dell'attacco terroristico russo alla centrale idroelettrica di Kakhovsk, affrontiamo quotidianamente: zone umide, desertificazione e scomparsa delle specie ", ha detto il capo dell'ufficio del capo di stato. Secondo lui, l'Ucraina ha perso quasi un terzo delle sue foreste attraverso i combattimenti. Gli ecosistemi sono o sul punto di estinzione o sono già persi. Durante l'anno della guerra, le emissioni di gas serra hanno raggiunto centinaia di migliaia di tonnellate.

“Questa è una domanda che preoccupa tutti. L'aggressività russa ha portato a un ecocidio di tale scala che è difficile da valutare. Anche se questo dovrebbe essere fatto. La Russia deve essere responsabile dei suoi crimini contro l'ambiente. Ciò può essere ottenuto solo combinando gli sforzi internazionali ", ha sottolineato Andrei Yermak. Ha osservato che il gruppo di lavoro internazionale creato si concentrerà su tre aree specifiche: 1. Valutazione degli effetti della guerra per l'ambiente.

2. Sviluppo di raccomandazioni per la ricerca di meccanismi per portare l'aggressore responsabile dei crimini ambientali in modo che la Russia paghi piena per la sua distruzione. 3. Recupero ecologico. “Dobbiamo prendere lezioni dalla tragedia. Dobbiamo usare questa opportunità non solo per ripristinare il paese, ma per ricostruirlo - amichevole con l'uomo e la natura.

E saremmo molto grati per le raccomandazioni del gruppo internazionale su questo ", ha affermato il capo dell'ufficio del capo di stato. Ha detto che il gruppo di lavoro internazionale mira a elaborare un documento completo che copre i punti di cui sopra. “Insieme all'accordo di sicurezza di Kiev, che dovrebbe diventare la base delle garanzie di sicurezza per l'Ucraina, l'accordo ambientale ucraino dovrebbe creare le condizioni per la protezione ambientale affidabile.

È importante che i documenti seguenti possano diventare un modello per qualsiasi paese che deve affrontare le sfide e le minacce che l'Ucraina ora supera ”, ha affermato Andrei Yermak. Il capo dell'ufficio presidenziale ha osservato che i membri del gruppo sono compiti senza precedenti, difficili, ma hanno espresso la sua convinzione di essere in grado di affrontarli. “Quindi, possiamo lavorare. È necessario lottare per la conservazione della natura, per l'Ucraina.

Per tutto il mondo, per se stesso ", ha sottolineato Andrei Yermak. Giovedì, l'International Working Group ha già incontrato i rappresentanti della commissione ecologica dell'Ucraina. Gli eco -attivisti ucraini hanno informato gli ospiti, in particolare il modo in cui l'aggressività russa influisce sulla situazione ambientale nel paese.

È stato sottolineato separatamente che le conseguenze di uno dei più grandi crimini russi - un attacco terroristico alla centrale idroelettrica di Kakhovsky - sono state colpite non solo in Ucraina e nel suo ambiente, ma hanno anche influenzato il Mar Nero e lo spazio marittimo di molti stati, influenzato I paesi la regione ucraina, dove tradizionalmente coltivati ​​prodotti agricoli.

Separatamente, gli attivisti hanno chiesto un riconoscimento ecocida del crimine, insistono sul pagamento delle conseguenze dei crimini ambientali, nonché per sviluppare meccanismi per una rapida risposta ai crimini ambientali. A seguito dell'incontro costituente, i membri del gruppo di lavoro internazionali sulle conseguenze ambientali della guerra hanno sostenuto una dichiarazione congiunta.

Quando si comunica con i rappresentanti dei media, dopo l'incontro del gruppo di lavoro internazionale, Margot Walstrom ha ringraziato il presidente dell'Ucraina, capo del capo di stato, ministri, procuratore generale e rappresentanti dei gruppi ambientalisti dell'Ucraina, con il quale ha comunicato oggi. “Siamo stati colpiti dal lavoro e dalla quantità di ciò che è già stato fatto per valutare il danno causato.

Siamo stati colpiti dal modo in cui pensi al tuo futuro e puoi già elencare molto. Il nostro incontro oggi è una manifestazione di solidarietà e sostegno dell'Ucraina ", ha affermato. Margot Walstrom ha sottolineato che la Russia dovrebbe certamente essere ritenuta responsabile per i crimini contro l'Ucraina.

Il co -chairman dell'International Working Group ha definito la riunione costituente fruttuosa ed ha espresso la convinzione che tutti i suoi membri saranno in grado di utilizzare i loro contatti per diffondere informazioni sui crimini ambientali in Ucraina, sviluppare raccomandazioni, effettuare valutazioni che possono dare un quadro completo delle conseguenze per l'ambiente e il suo restauro.

Margot Walstrem ha sottolineato l'importanza di coinvolgere il gruppo il maggior numero possibile di rappresentanti della comunità esperta, che saranno in grado di fornire assistenza qualificata per risolvere i compiti stabiliti per la valutazione delle perdite causate all'ambiente ucraino, mantenendo la responsabilità di colpa dei crimini nei crimini nei crimini Paesi sul campo.

Ha anche notato che i membri del gruppo saranno lieti di accogliere il rifornimento dei suoi partecipanti dalle regioni dell'Asia, Africa, Sud America. Mary Robinson, da parte sua, ha sottolineato che i suoi compiti principali erano combattere l'impunità e valutare correttamente il danno ambientale. Ha valutato positivamente il coinvolgimento di rappresentanti della comunità ecologica ucraina nel gruppo internazionale.

Gaidi Hautala ha aggiunto che superare le conseguenze ambientali dell'aggressione russa contro l'Ucraina quando la comunicazione con i rappresentanti dei media è uno dei punti del presidente Vladimir Zelensky Pace Formula. Ha espresso l'opinione che il gruppo internazionale dovrebbe garantire la sua attuazione.

“L'Ucraina è sotto i riflettori, ma lo stiamo anche facendo per dimostrare al mondo che tale distruzione dell'ecologia e le orribili conseguenze dei conflitti e della guerra non dovrebbero rimanere impuniti. Dovrebbero esserci responsabilità ", ha detto, aggiungendo che utilizzerà tutte le piattaforme disponibili nell'UE a questo scopo. L'attivista ambientale Greta Tunberg ha sottolineato: “Ecocidio, distruzione ambientale è una forma di ostilità.

Sfortunatamente, gli ucraini ora lo capiscono molto bene. La Russia punta intenzionalmente le sue azioni contro l'ambiente, contro la capacità della vita delle persone ". “Penso che dobbiamo mettere i punti su" I ": pericolo, minaccia di guerra, sofferenza delle persone e ecocidio - questo è tutto correlato. Nessuno di noi dovrebbe lasciare le cose terribili che stanno accadendo in Ucraina ora, i crimini che la Russia commette qui.